Home / Notizie / Cronaca / Pallavolo. Bakery Volley, Trabucchi: ”Serve un riscatto a Montale”

Pallavolo. Bakery Volley, Trabucchi: ”Serve un riscatto a Montale”

Intervista alla regista della Bakery Volley Piacenza Gloria Trabucchi.

La Bakery Volley Piacenza si allena in vista della gara che la vedrà opposta ad Emilbronzo 2000 MO sabato, alle ore 18:00. Gloria Trabucchi, regista titolare della formazione allenata da Franco Corraro, analizza la gara con Porcia che ha determinato il primo ko interno e guarda con ottimismo alla nuova sfida. La giovane palleggiatrice fa il punto sulla situazione della sua squadra.

Un ko inaspettato, cosa ha fatto la differenza?
Pordenone ha preparato molto bene la partita e ci ha messo in netta difficoltà nei primi due set: hanno dimostrato di essere una squadra tosta, che meriterebbe ben altre posizioni in classifica. Detto questo, anche noi non siamo partite benissimo: in avvio siamo state troppo attendiste. Fortunatamente, a partire dal terzo set, abbiamo iniziato a giocare più decise e sicure: i risultati si sono visti, perché abbiamo portato la gara al tiebreak. Peccato non averla anche vinta.

Nei primi 2 set avete subito gli attacchi di Serafin e il muro avversario, dal terzo parziale per voi è iniziata un’altra partita. Dove avete trovato la forza di reagire?
Siamo state più costanti al servizio, da cui sono arrivati tanti punti. Anche a livello difensivo siamo cresciute sensibilmente, mettendo in campo una pallavolo molto più ordinata ed efficace. Come dicevo però la differenza fondamentale è stata di atteggiamento: nei primi due set abbiamo subito eccessivamente Pordenone, dal terzo abbiamo imposto il nostro gioco ed il nostri ritmi.

Per te una prova individuale, visto che hai messo a segno ben 7 punti. Come la commenti?
Hai ragione 7 punti non capitano tutti i giorni per una palleggiatrice, questo però non significa nulla: avrei di gran lunga preferito non mettere a terra neanche una palla, ma tornare con 3 punti in tasca. Speravo in una vittoria, ma avremo sicuramente la possibilità di rifarci.

Come giudichi la prima parte di stagione?
Penso che sia stata un’ottima partenza. Speravamo di vincere anche sabato con Pordenone, ma non dobbiamo fare drammi: siamo comunque terze a 4 punti di svantaggio da Padova. Inutile nascondere che questa squadra ha la rosa e le giocatrici per riprendere da subito a vincere e per tornare a farlo con costanza, com’è avvenuto nelle prime gare della stagione.

In tal senso sabato avrete già un’altra partita importante: affronterete in trasferta Montale, formazione che 2 giorni fa ha perso in 3 set con Padova, e che si trova all’ottavo posto a quota 11 punti. Come la affronterete?
Dobbiamo riscattarci subito: è fondamentale ritornare subito a fare i 3 punti e chiudere nel migliore dei modi questa prima parte di stagione, che terminerà con la pausa natalizia. Non sarà semplice, ragion per cui dovremo partire con l’atteggiamento giusto: superaggressive e concentrate su ogni pallone. Come abbiamo visto con Padova e Porcia, nessuna squadra regala niente. Montale farà la sua partita ed avrà dalla sua parte anche il palazzetto. La Bakery ha comunque le giocatrici per affrontare questo tipo di situazioni.

Come descrivi Gloria Trabucchi in campo e fuori?
Sono una palleggiatrice che ama osare e non si tira mai indietro. Ogni regia che si rispetti deve però adattarsi alle caratteristiche della squadra in cui gioca: è esattamente quello che ho fatto e che cerco di fare ad ogni allenamento e ad ogni partita con la maglia della Bakery.
Fuori dal campo credo di essere una persona umile ed aperta alle critiche. Non sono sicuramente permalosa e sono pronta a migliorarmi: del resto abbiamo in squadra campionesse di grande esperienza ed è un privilegio poter imparare sempre cose nuove dai loro insegnamenti. Per il resto credo di essere una ragazza solare e di compagnia, motivo per cui mi sono trovata alla grande con questo gruppo sin dal primo giorno.

Potrebbe interessarti

Persecuzioni e sassi contro la finestra dell’ex cognata. 60enne arrestato

Piacenza. Sarebbero due sessantenni piacentini, ex cognati, i protagonisti di una vicenda che si sarebbe …