Home / Notizie / Cronaca / Paolini arrestato. Avrebbe pagato minori per prestazioni sessuali
Paolini-arresta13967-piacenza.jpg

Paolini arrestato. Avrebbe pagato minori per prestazioni sessuali

La denuncia da parte del laboratorio fotografico incaricato di stampare foto pedopornografiche

Solo lo scorso anno raccoglieva firme su Facebook contro pedofili e stupratori, dicendosi a favore della pena di morte per chi approfittava di minorenni, e affermando di essere stato vittima di abusi lui stesso: eppure Gabriele Paolini, il celebre disturbatore, è finito in manette proprio per l’accusa di induzione alla prostituzione minorile e produzione di materiale pedopornografico. Le vittime, almeno due, forse tre: tutti ragazzini di 16 anni, due italiani ed un romeno. Stando a quanto dichiarato dagli inquirenti e riportato dai giornali nazionali, vi sarebbero prove schiaccianti che siano avvenuti atti sessuali a pagamento. I minori sarebbero stati anche adescati in chat e – sempre secondo quanto descritto dagli inquirenti – pagati dai 40 euro in su, a seconda del tipo di prestazione. Gli atti sessuali sarebbero stati filmati e fotografati.
Proprio questi video avrebbero documentato il crimine e incastrato l’accusato; adesso il computer di Paolini è sotto sequestro alla ricerca di eventuali altri materiali e prove. La denuncia è partita da Riccione, da un laboratorio fotografico che è stato incaricato di stampare file che ritraevano scene di sesso tra Paolini ed i ragazzi minorenni, che, a quanto pare, non si prostituivano in modo sistematico, ma si limitavano ad accettare offerte occasionali dall’uomo. Addirittura, pare fossero di casa per lui e la sua famiglia, e venivano spesso accompagnati in giro in macchina, o passavano serate insieme a lui.

Potrebbe interessarti

vigili

Anziano messo in salvo da carabinieri e vigili dopo una notte passata nel fango

Piacenza. Fortunatamente si è conclusa per il meglio la disavventura di un anziano residente a …