Home / Notizie / Cronaca / Roma. Corteo antagonisti: alcuni scontri, fermati in quindici
Roma-Corteo-an13899-piacenza.jpg

Roma. Corteo antagonisti: alcuni scontri, fermati in quindici

Sono state lanciate alcune bombe carta contro i blindati nella giornata di sabato

Le denunce sono incominciate nella notte tra venerdì e sabato, con numerosi sequestri di coltelli, cappucci, lacrimogeni, fionde, bottiglie di vetro, e altri oggetti atti a offendere. Tra gli slogan, chi si schierava contro le politiche di austerità, chi contro la precarietà: insieme a loro, No Tav e No Muos, accompagnati dagli immancabili infiltrati violenti provenienti da tutta Europa, e poi sindacati e collettivi studenteschi, tutti riuniti per la manifestazione. Non sono mancati gli scontri, anche violenti: oltre al lancio di uova contro i ministeri e banche, e a quello di bottiglie contro la sede di Casapound, sono state scagliate alcune bombe carta contro i blindati dei carabinieri e alla porta dell’ambasciata tedesca. I colpevoli, alcuni incappucciati: è stato inoltre disinnescato un ordigno in Piazza della Croce Rossa, e sono stati sequestrati spranghe e Sampietrini nascosti lungo il percorso.
In centinaia si sono poi trattenuti in tenda a Porta Pia, con musiche, spettacoli e alcool. Il bilancio, tutto sommato, è stato positivo: tre le bombe carta pericolose disinnescate, una decina i feriti tra le forze dell’ordine, e alcuni danni a bancomat, vetrine, bidoni dell’immondizia ed edifici. Sono stati fermati in undici dalla polizia, e in quattro dai carabinieri, tutti italiani e tra i 16 e i 25 anni.

Potrebbe interessarti

bici

Da San Rocco al Porto per rubare biciclette e rivenderle. 34enne ai domiciliari

Piacenza. È stato raggiunto da un’ordinanza cautelare e si trova al momento agli arresti domiciliari …