Home / Notizie / Cronaca / Fermato un peschereccio italiano dalle autorità tunisine

Fermato un peschereccio italiano dalle autorità tunisine

Affiancato da una motovedetta della dogana, è stato condotto in porto

La notizia ci giunge dalla Marina Militare: il peschereccio italiano Cartagine, proveniente da Mazara del Vallo, e che si trovava in navigazione a circa 70 miglia dalle coste della Tunisia, è stato affiancato da una motovedetta della dogana, e dirottato verso il porto tunisino di Sfax. A diffondere l’avviso, un altro peschereccio italiano, il Twenty Two, che ha avvisato via radio la nave Sirio della Marina Militare. I ripetuti tentativi di contattare via radio il motopesca e la motovedetta sono caduti nel vuoto: intorno alle 19:30 del 20 settembre il peschereccio Cartagine, a bordo del quale si trovavano 9 persone (cinque tunisini, quattro mazaresi di cui uno di origini tunisine), è entrato nelle acque territoriali della Tunisia.
La notizia ha lasciato amareggiato Giovanni Tumbolo, il presidente del distretto produttivo della pesca di Mazara del Vallo: “bisogna trovare subito una soluzione”, ha affermato. “In questo modo non si può andare avanti. La nostra marineria è in ginocchio e non può più continuare a subire questi atti.”

Potrebbe interessarti

Bobbio. 44enne travolta da un albero alto 15 metri. Soccorsa grazie al cellulare

Bobbio (Piacenza). Avrebbe potuto avere coincidenze ben più gravi l’incidente avvenuto nel pomeriggio di giovedì …