Home / Notizie / Cronaca / Crisi della sigaretta elettronica. L’annunciata tassa abbatte le vendite

Crisi della sigaretta elettronica. L’annunciata tassa abbatte le vendite

Dopo il boom negozi e catene chiudono. Il gruppo Ovale perde il 50% del fatturato

Il poco meno di due anni la sigaretta elettronica era diventata un vero e proprio fenomeno di costume, minacciando il mercato del tabacco e – soprattutto – le entrate del Monopolio di Stato. Oggi il principale produttore italiano chiude con una perdita del 50%, molti negozi stanno chiudendo e alcune catene annunciano che si ritireranno dal mercato entro la fine dell’anno. Cosa sta determinando la crisi dell’e-cig? ”Con il solo annuncio del decreto che prevede una tassazione spropositata per le e-Cig e gli accessori”, ha spiegato ad ANSA un referente di Ovale, il gruppo ha subito una perdita del 50% del fatturato”.
Si parla di “tassazione spropositata”, con riferimento all’ipotesi del Governo di equiparare la tassazione relativa alle sigarette tradizionali a quelle delle elettroniche e ai relativi accessori.

Potrebbe interessarti

Scomparsa dopo essere uscita per andare al lavoro. In corso le ricerche di una 47enne

Piacenza. Si sarebbe dovuta presentare sul posto di lavoro al supermercato Gigante di San Nicolò, …