Home / Notizie / Cronaca / Omicidio Casella. Uccide il padre nel sonno per riscattare una prostituta

Omicidio Casella. Uccide il padre nel sonno per riscattare una prostituta

Avrebbe forse pianificato l’omicidio per poter ottenere i soldi necessari a liberare la ragazza

Confermato il sospetto avanzato nei giorni scorsi riguardo al movente dell’assassinio dell’anziano Francesco Casella da parte di suo figlio Adriano, 36enne: si tratterebbe di un bisogno disperato dai soldi, sembra proprio a causa di una donna, vittima di sfruttatori che la costringevano a prostituirsi, e che al momento non sarebbe ancora stata identificata. Così è stato dichiarato durante gli interrogatori dall’uomo, che già in passato era stato ridotto sul lastrico nel tentativo di riscattare la ragazza, dopo aver consegnato la somma di 10mila euro richiesti. Ma non erano stati sufficienti, e probabilmente Adriano Casella sperava di ottenere i soldi rimanenti dalla vendita di attrezzi agricoli, attività di cui si occupava in precedenza il padre.
Aveva già tentato in passato di ottenere un finanziamento dalla banca pari a 15mila euro, che non solo gli era stato negato, ma aveva destato abbastanza sospetti da spingere i funzionari a informare i carabinieri. Sospetti altrettanto forti erano stati causati nell’acquirente degli attrezzi agricoli. Dopo un lungo interrogatorio, in cui Casella ha spiegato di aver ucciso il padre dopo avergli somministrato dei sonniferi, con una sparachiodi, è stato possibile trovare anche l’arma del delitto, che si trovava nella cantina di casa come era stato confessato dall’assassino stesso.

Potrebbe interessarti

Pieve di Pratolungo. Centauro cade dalla moto, soccorso in eliambulanza

Corte Brugnatella (Piacenza). Rimangono da accertare le cause dell’incidente avvenuto nel primo pomeriggio di domenica …