Home / Notizie / Editoriali / Elezioni. In tutta Italia crolla il Movimento 5 Stelle. Grillo non commenta

Elezioni. In tutta Italia crolla il Movimento 5 Stelle. Grillo non commenta

I ”bla bla bla” non incantano più. La crisi morde e gli italiani cercano risposte concrete

I dati delle comunali 2013 delineano il crollo del Movimento 5 Stelle che passa dall’essere il primo partito in Italia ad essere escluso da tutti i ballottaggi nei comuni capoluogo di provincia. Gli elettori delusi dalla politica avevano cercato nel M5S una risposta, ma oltre alla demagogia è arrivato ben poco. Il flop inizia a Roma, dove il candidato sindaco dei grillini, Marcello De Vito, sembra fermo intorno al 13%. Nella Capitale il M5S aveva preso il 27,7% dei voti. In Valle d’Aosta Beppe Grillo e i suoi passano dal 18,5% al 6,62%. A Brescia dal 16,6% al 7,7%. A Siena si passa dal 20,95% al 7,8%, mentre a Vicenza il M5S si deve accontentare di un 5,5%.
Per il Movimento 5 Stelle si tratta di una sconfitta storica. Tuttavia questo risultato era abbastanza prevedibile. Non è la prima volta che gli elettori scelgono di punire i partiti con un voto di protesta che non corrisponde ad un vero e proprio progetto di governo. Qualcuno ha sperato che con i “Vaffa” si potesse davvero cambiare il Paese. Altri si sono fatti trascinare dall’entusiasmo di una battaglia giusta dei cittadini contro la classe politica. Ma la crisi morde e i grillini non hanno una risposta credibile. Lo dimostra Parma, dove la giunta M5S annaspa senza trovare una strategia di governo che riesca a risolvere i problemi concreti della città.

La coppia Grillo-Casaleggio è poi colpevole di avere impostato una strategia di comunicazione disastrosa, tra indecisione, espulsioni, bavagli e slogan violenti. Sono bastati pochi mesi perché il velo fosse tolto e l’enorme patrimonio di voti raccolti fosse completamente dissipato. E Beppe Grillo? Arroccato nel suo castello digitale non ha rilasciato alcun commento. Gli strateghi del Vaffa staranno studiando come affrontare lo tsunami che gli si sta ritorcendo contro. Leggendo i commenti della base del Movimento sembra che il web stia processando il comico genovese e il suo spin doctor. Scrivono infatti alcuni seguaci del suo blog: “Caro Beppe adesso il ‘vaffa’ te lo devi prendere tu!”.

Vuoi dirmi la tua su questo Editoriale?
Parliamone su Twitter

Il mio blog (www.nicolabellotti.it)

Potrebbe interessarti

Attività aperte. Il Sindaco scrive al Premier Conte: “no al silenzio assenso”

PIACENZA – Alla protesta degli operatori sanitari che hanno chiesto al Prefetto di non autorizzare …