Home / Notizie / Calcio. Serie A. Il punto sulla situazione a dieci giornate dalla fine

Calcio. Serie A. Il punto sulla situazione a dieci giornate dalla fine

Tante squadre ancora in lotta per un obiettivo, alcuni dei quali però sono ormai delineati

A dieci giornate dalla fine del Campionato di Serie A, è il momento di fare il punto della situazione. Una fascia centrale è costituita, in ordine di classifica, da Sampdoria, Parma, Bologna, Cagliari, Atalanta, Torino e Chievo (racchiuse nello spazio di 3 punti): squadre quasi salve che non possono però puntare ad un piazzamento europeo. Tutte le altre formazioni sono invece ancora in lotta per un obiettivo, alcuni dei quali però sono ormai abbastanza delineati.
Scudetto: vittoria fondamentale quella di ieri per la Juventus, che raggiunge così il suo massimo vantaggio. Posto che ormai il titolo può perderlo solo la squadra di Torino, ed in questo senso il prosieguo del cammino in Champions può essere l’unica vera incognita, con il Napoli in caduta libera, il Milan sembra l’unica che possa tenere ancora vivo un minimo d’interesse. Le due condizioni indispensabili: continuare a tenere questo passo record, e vincere lo scontro diretto di Torino.
Champions League: uno dei due posti che danno l’accesso diretto è praticamente già della Juve. L’altro sembra una questione tra Napoli e Milan, con quest’ultima in leggero vantaggio. Possono puntare ad inserirsi nella lotta, in ordine attuale di classifica e credibilità, Fiorentina, Lazio e Inter. La Roma ha probabilmente sprecato la sua ultima occasione facendosi raggiungere sul pareggio ad Udine.
Europa League: Un posto alla vincitrice di Coppa Italia (Lazio, Inter o Roma), che probabilmente non parteciperà alla prossima Champions League. Gli altri due vedono a mio parere partire avanti Fiorentina e la stessa Lazio, poi più Inter che Roma. Il Catania non è riuscito nel definitivo salto di qualità, l’Udinese non sembra quest’anno in grado di farlo.
Salvezza: senza penalizzazione, in questo momento il Siena sarebbe abbondantemente salvo. Nonostante la buona gestione Ballardini, è quindi meglio che il Genoa ricominci a guardarsi alle spalle. Pescara e Palermo sembrano ormai spacciate.

Potrebbe interessarti

Trebbia

Trebbia preso d’assalto. Tarasconi: “bene per il territorio, ma il turismo va gestito”

«Una maggiore affluenza di turisti in Valtrebbia e il Valnure era prevedibile dopo il lockdown, …