Home / Notizie / Coni. Giovanni Malagò è a sorpresa il nuovo Presidente
Coni-Giovanni-13033-piacenza.jpg

Coni. Giovanni Malagò è a sorpresa il nuovo Presidente

E’ il successore di Petrucci, di cui ha sconfitto il delfino Pagnozzi dopo un’elezione thrilling

Sorpresa. Tutti si aspettavano Raffaele Pagnozzi, invece il nuovo Presidente del Coni è Giovanni Malagò. Il primo, segretario generale e delfino del capo uscente Gianni Petrucci, si sentiva forte di almeno 44 voti (sui 38 necessari per l’elezione), ma si è fermato a 35; il secondo sembrava bluffare dichiarando di averne tra i 38 e i 40, ed invece aveva ragione, accaparrandosene appunto 40. E’ stata quindi un’elezione thrilling, che ha spaccato i “grandi elettori” del massimo ente dello sport in Italia. Gli stessi discorsi dei due candidati, accolto con un applauso fragoroso quello di Pagnozzi, nervosetto quello del neo-Presidente, facevano pensare ad un’affermazione dell’ex segretario.
53enne romano, Presidente del Circolo Canottieri Aniene e del Comitato del Mondiale di nuoto Roma 2009, Malagò subito dopo la vittoria è scoppiato in lacrime ed è corso ad abbracciare le figlie Ludovica e Vittoria, che hanno parlato del padre come di un “perfezionista”.
Queste le immediate dichiarazioni del successore di Petrucci: “Sono partito da zero, ho giocato questa partita in modo chirurgico, voto dopo voto, e sono sempre stato conscio della mia forza elettorale. Una cosa so fare: conoscere la gente, per me i rapporti personali sono tutto nella vita. Quando guardi negli occhi le persone, stringi loro la mano e ti impegni in un programma, mostrando lealtà e credibilità, puoi credere di poter vincere. E io ne ero consapevole da qualche settimana, anzi potevo avere qualche voto in più”.
Malagò ha parlato della possibilità di una candidatura olimpica di Roma per il 2024, della necessità di una riforma della giustizia sportiva e di una nuova legge sugli stadi.
Il neo-Presidente dovrà ora dimostrare di potere e allo stesso tempo sapere tradurre sul campo le tante buone intenzioni di cambiamento e innovazione da lui dichiarate e impersonate. Fanno ben sperare i tanti medagliati olimpici usciti dal suo circolo, e perché no, quello scatto per raggiungere le figlie. Uno scatto che denota un trascorso da atleta, e quindi, si spera, ancora più conscio dall’interno delle sfide e delle problematiche del mondo che da oggi si trova a governare.

Potrebbe interessarti

calice

Rubati i calici dell’Eucaristia. Il Parroco fa appello: “Restituiteli, non hanno valore di mercato”

Piacenza. Doppio furto in due chiese in centro città, quella di San Francesco e quella …