Home / Notizie / Gossip / Fabrizio Corona si arrende. Ma era braccato e non aveva più scampo
Fabrizio-Corona12933-piacenza.jpg

Fabrizio Corona si arrende. Ma era braccato e non aveva più scampo

Tradito dal gps della sua auto. Sembra abbia anticipato l’arresto consegnandosi a Lisbona

LISBONA – “Più che costituito si è arreso”. E’ il commento dei vertici milanesi della Polizia di Stato dopo che Fabrizio Corona, latitante da 4 giorni, si è consegnato alle forze dell’ordine portoghesi. Sembra sia stato il gps dell’antifurto dell’auto usata per la fuga, una Fiat 500, a tradire la sua posizione. Sulle sue tracce c’erano da giorni gli uomini della polizia di Milano e quelli dell’Interpol, dopo la sua fuga in seguito alla sentenza secondo la quale dovrà scontare 7 anni e 10 mesi di reclusione (dal momento che con la fuga ha perso il beneficio dell’affidamento in prova ai servizi sociali).
Ecco il comunicato della Polizia di Stato. “Da ieri, un gruppo di lavoro costituito da investigatori della Squadra Mobile di Milano, dall’ufficiale di collegamento Interpol nonché da operatori delle locali Autorità di Polizia, stava lavorando in territorio portoghese all’individuazione di Fabrizio Corona, in quanto le attività investigative avevano fin da sabato permesso di raccogliere elementi circa la probabile presenza del ricercato a Lisbona. La scorsa notte alcuni soggetti, ritenuti vicini al latitante, sono stati identificati e sottoposti a controllo, anche presso le loro abitazioni, da parte del personale preposto alle indagini. Nella mattinata odierna, il ricercato si è arreso alle Autorità Portoghesi”.

Potrebbe interessarti

inquinamento

Pm10 sopra i limiti per il decimo giorno consecutivo. Scattano i provvedimenti di secondo livello

Piacenza. A causa del decimo sforamento consecutivo dei valori di Pm10 sul territorio Piacentino, scatteranno …