Home / Notizie / Cronaca / La neve a Piacenza nel XX Secolo. Dagli studi di Marco Pifferetti
La-neve-a-Piace12794-piacenza.jpg

La neve a Piacenza nel XX Secolo. Dagli studi di Marco Pifferetti

Le nevicate storiche, tra foto e ricerche. Dagli archivi dell’osservatorio Alberoni

PIACENZA – Marco Pifferetti, docente di Tecnologia presso I.C. “A. Ligabue” Reggio Emilia, è l’autore di uno dei siti web più belli in materia di neve. Le sue ricerche storiche permettono di fare un viaggio nel tempo “per mettere a disposizione”, spiega lo stesso autore, “di chi, come me, ama la neve, i mie studi, i miei dati e i materiali raccolti in tanti anni sul microlima nevoso della mia zona, sulla climatologia della neve nel bacino padano veneto e su aspetti interessanti della neve in altre parti del mondo”. Il sito sito web (raggiungibile all’indirizzo http://marcopifferetti.altervista.org/) contiene dati e fotografie storiche molto interessanti anche su Piacenza.
“Le cronistorie cittadine di Piacenza raccontano di una intensa precipitazione del 1511, che, iniziata il 4 gennaio, nel giro di sei giorni fece cadere 1 metro e 40 centimetri di neve. Si legge che, per poter attraversare le strade, si dovettero scavare gallerie sotto la neve. Anche il freddo non scherzava, il Po, ghiacciato, si poteva attraversare comodamente sia a piedi che a cavallo”.

“Il tempi meno lontani, grazie ai dati dell’Osservatorio del Collegio Alberoni di Piacenza, una delle stazioni meteorologiche più antiche d’Europa, che entrò in funzione nel 1802, è possibile delineare la storia delle grandi nevicate che interessarono la città, a buon diritto considerata una delle più nevose dell’area padana”.
“L ‘anno più nevoso del XX secolo fu il 1933 con un accumulo di 166 cm., il mese, sempre dello steso secolo, in cui su Piacenza cadde la maggior quantità di neve, fu il “recente” gennaio 1985 con 127 cm.
La più grande nevicata fu tuttavia quella del 4 gennaio 1911 con un accumulo di 98 cm in 27 ore”.

La ricerca è frutto della collaborazione con l’osservatorio meteorologico “Alberoni” per i dati e la Banca di Piacenza per le immagini.

Potrebbe interessarti

img_6289

Metronotte. Guardia “di quartiere” sventa un furto e ferma i malfattori

Non è andata bene ai ladri che, nella mattinata di oggi, hanno tentato un colpo …