Home / Notizie / Cronaca / La notte di Santa Lucia. Come nasce l’usanza di fare doni ai bambini?
La-notte-di-San12786-piacenza.jpg

La notte di Santa Lucia. Come nasce l’usanza di fare doni ai bambini?

Santa Lucia ha anticipato la figura di Babbo Natale (San Nicola) o della Befana

Santa Lucia è così cara ai piacentini? Stiamo parlando di una santa il cui martirio, avvenuto il giorno 13 dicembre 304, è testimoniato fin dall’antichità. La prova più antica della sua esistenza è un’epigrafe marmorea in greco risalente al IV secolo, rinvenuta alla fine del 1800 nelle catacombe di Siracusa, le più estese al mondo dopo quelle di Roma. Le fonti più autorevoli sulla vita e le opere di Santa Lucia sono la “Passio Latina” e il “Martyrion Greco”, anche noto come “Codice Papadopulo”. In queste opere si narra di come la giovane Lucia, consacratasi a Cristo, sia stata barbaramente uccisa dopo avere donato ai poveri tutti i suoi averi. Il gesto aveva offeso il suo promesso sposo, che sognava di mettere le mani sul patrimonio della ricca famiglia di Lucia, il quale l’aveva denunciata ai persecutori.
Lucia è morta per avere donato tutto ai poveri. Ecco perché i suoi doni sono al centro della celebrazione della sua figura. I miracoli attribuiti a Santa Lucia sono numerosissimi ed hanno spesso a che fare con i bambini. A Verona, per esempio, nel XIII secolo si diffuse una pericolosa malattia agli occhi che colpiva soprattutto i più piccini. I genitori dei piccoli malati invocarono l’intervento di Santa Lucia, protettrice della vista, per far cessare l’epidemia, facendo voto di portare ogni 13 dicembre i loro figli in pellegrinaggio, a piedi nudi, alla sua chiesa. L’epidemia cessò e il pellegrinaggio alla chiesa dedicata alla santa di Siracusa durò per secoli, fino a quando la chiesa venne soppressa in periodo napoleonico (allora venne spostato alla vicina chiesa di Sant’Agata fino alla sua demolizione nel 1837).
Santa Lucia ha anticipato la figura di Babbo Natale (San Nicola) o della Befana. E’ lei che nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, a Piacenza e Verona (ma anche nel Trentino occidentale e nelle province di Alessandria, Udine, Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Mantova, Parma, Reggio Emilia) porta i doni ai bambini.

Potrebbe interessarti

braci

Bettola. Le braci gettate causano un incendio. Sul posto i vigili del fuoco

Bettola (Piacenza). Sarebbe stato il gesto di ignoti, che avrebbero gettato a lato della strada …