Home / Notizie / Cronaca / Economia a Piacenza: in un anno sono sparite 368 aziende dal territtorio

Economia a Piacenza: in un anno sono sparite 368 aziende dal territtorio

Perdono Commercio, Agricoltura e Costruzioni; in crescita i settori dell’alloggio e della ristorazione

Il terzo trimestre del 2012 ha visto una riduzione piuttosto consistente delle imprese registrate a Piacenza, sia in termini tendenziali che congiunturali. Rispetto al settembre 2011 si sono perse 368 unità, rispetto al mese di giugno 2012, 45. Lo stock a fine settembre contava 31.492 unità. La variazione più elevata in negativo ha riguardato il settore del commercio che in un anno ha visto venir meno 173 realtà, con 127 imprese in meno è invece al secondo posto tra i comparti in contrazione il settore dell’agricoltura mentre al terzo (-103) quello delle costruzioni.
E’ stato al contrario consistente l’incremento di imprese nel contesto dei servizi di alloggio e ristorazione (+43). Una crescita si è evidenziata anche nel settore delle attività professionali, scientifiche e tecniche (+17) così come in quello della fornitura di energia ed acqua. L’aumento registrato in quest’ultimo ambito (15 soggetti) ha impresso una crescita percentuale di notevole grandezza dal momento che lo stock di partenza era di sole 18 unità e quindi nell’arco di un anno se ne è registrato quasi il raddoppio.
La riduzione osservata ha riguardato anche le imprese attive (a differenza del passato): sono passate da 28.977 a 28.522 (-1,57%). Nel confronto con le altre province si riscontra omogeneità nel segno della variazione. Lodi e Reggio Emilia hanno entrambe una riduzione più elevata di quella di Piacenza mentre le restanti realtà territoriali soffrono di diminuzioni più contenute.
Un movimento importante che si è registrato nel corso dei primi 9 mesi del 2012 ha riguardato le cancellazioni d’ufficio: su 1.694 cessazioni totali ben 223 sono state operate dagli uffici della Camera di commercio (per il venire meno dei presupposti giuridici dell’attività). Va detto però che la dinamica si mantiene negativa anche escludendo queste cancellazioni, in quanto le iscrizioni si sono fermate a quota 1.399.
Nel Paese, invece, depurando il dato dalle cancellazioni condotte dagli uffici, la variazione dei primi nove mesi è stata leggermente positiva con una differenza tra iscritte e cessate pari a 19.984 unità. La dinamica imprenditoriale piacentina è fortemente differenziata a livello di forme giuridiche: positiva per società di capitale ed altre forme giuridiche (consorzi, cooperative..), negativa per imprenditori individuali e società di persone. Anche in questo andamento si percepisce però un chiaro segnale di rallentamento nell’avvio di nuove attività: il valore del saldo per le società di capitale pur mantenendosi in territorio positivo è il più basso degli ultimi 12 anni. Nella composizione percentuale del tessuto imprenditoriale piacentino si è scesi per la prima volta sotto il 59% per quanto riguarda le ditte individuali mentre le società più strutturate si sono avvicinate al 19% (erano il 12,2% nel 2000). Delle 31.492 imprese registrate a Piacenza 2.988 sono gestite da imprenditori stranieri (1.564 nel solo settore dell’edilizia). Le imprese a titolarità femminile sono 6.974 mentre quelle che si possono definire giovanili sono 2.799 (quasi il 50% di questo sottogruppo si concentra nell’edilizia e nel commercio).
Per approfondimenti, interviste e foto collegatevi a Piacenza24.eu

Potrebbe interessarti

Coronavirus. Nuova ondata di contagi e nuovi lockdown nel mondo

Nel Nord della Spagna, nella zona di Segrià, a seguito di dati che confermano un …