Home / Notizie / Executive coaching. Le regole d’oro per iniziare la giornata con efficienza

Executive coaching. Le regole d’oro per iniziare la giornata con efficienza

Siamo dominati dalle abitudini. Quando ne abbiamo di nocive o poco utili ecco che dobbiamo agire e rimuoverle. Facile a dirsi, un pò meno a farsi

Siamo dominati dalle abitudini. Nulla di male ad avere sane abitudini che ci aiutano nel nostro vivere quotidiano, ma quando ne abbiamo di nocive o poco utili ecco che dobbiamo agire e rimuoverle. Facile a dirsi, un pò meno a farsi. Pensate a quegli automatismi ormai consolidati di quando iniziate la giornata lavorativa, a quelle abitudini che ritenete utili e necessarie e che invece fanno partire la vostra giornata in modo inefficace e vi fanno perdere tempo. Ad esempio arrivare in ufficio e aprire la casella Inbox dell’email e inziare a leggere tutti i messaggi pervenuti: una mole di messaggi davvero imponente dopo qualche giorno di assenza e difficile da gestire senza una notevole perdita di tempo. Non solo: l’energia fresca del mattino viene assorbita da una quantità di notizie, di cui solo una piccola parte riguarda informazioni importanti e strategiche per la vostra giornata di lavoro.

Ecco alcuni suggerimenti per iniziare bene la giornata lavorativa prendendo spunto dall’esperienza di Executive importanti o imprenditori di successo.

1) Non controllate la vostra casella email come prima cosa al mattino: lo so che cambiare questa abitudine può essere difficile eppure vi posso assicurare che funziona. Oggi esistono tools come questo http://www.awayfind.com/ che selezionano solo i messaggi delle persone più importanti che vi interessa seguire o degli eventi a cui non potete mancare e vi avvisa direttamente via cellulare o sms. Potete chiudere il vostro programma di email e non perdere nessun messaggio importante. Prima di pranzo o prima di lasciare l’ufficio alla sera potete controllare comunque tutti i vostri messaggi, ma non avrete perso tempo prezioso nel guardare tutta la vostra posta elettronica compresi quei messaggi a bassa importanza per non parlare degli spam che non siete riusciti a filtrare. Questione di installare nuove abitudini.

2) Dedicatevi a fare subito un planning preciso delle cose che volete raggiungere prima della fine della giornata. Pianificare e gestire il proprio tempo si sa è la chiave dell’efficienza, ma di solito non si fa. Pensiamo di avere già tutto in testa su cosa fare e non dedichiamo nemmeno un minuto a mettere in ordine priorità e cose importanti. Altra abitudine da cambiare: introduciamo all’inizio della giornata la preparazione di una lista precisa delle cose da fare e seguiamola scrupolosamente fino al completamento di ogni punto. Resistiamo al controllo dell’email (vedi punto precedente) o a rispondere ad ogni telefonata non importantissima. Concentriamoci sulla parte più importante del nostro lavoro: fare business.

3) Fate subito la cosa che più ci sta “antipatica” o che avete meno voglia di fare. Qui bisogna citare il mitico Brian Tracy, uno dei più importati Business Coach americani e studioso di Management, che ha addirittura scritto un libro: “Eat that frog” (ossia: mangia quella rana) come prima cosa al mattino. Se fate quella attività che vi ispira di meno o un pò più complessa (come ad esempio una telefonata scomoda, oppure, vedere una persona che non vi sta particolarmente simpatica, o, ancora, svolgere una attività scomoda o particolarmente complicata), ecco che vi sentirete immediatamente più sollevati e la vostra giornata scorrerà molto più agevolmente dato che il…”peggio” è alle vostre spalle.

E per concludere un consiglio di Executive Coaching: cominciate la giornata con pensieri positivi e trovate 5 buoni motivi per ringraziare voi stessi (per le cose positive che avete fatto) o chiunque altro vi abbia permesso di essere più felice fino a quel momento. La giornata così inizia in tutt’altro modo. Altro che lettura dell’email…

Potrebbe interessarti

Persecuzioni e sassi contro la finestra dell’ex cognata. 60enne arrestato

Piacenza. Sarebbero due sessantenni piacentini, ex cognati, i protagonisti di una vicenda che si sarebbe …