Home / Notizie / La plastica che non inquina e che potrebbe cambiare il mondo

La plastica che non inquina e che potrebbe cambiare il mondo

Marco Astorri, 43 anni, grafico pubblicitario con un’azienda che sta facendo parlare il mondo: la BioOn

BOLOGNA – Potrebbe davvero essere seduto su una miniera d’oro l’italiano Marco Astorri, grafico pubblicitario di 43 anni, con tre figli e un’azienda che sta facendo parlare il mondo: la BioOn. Con il suo socio francese Guy Cicognani hanno semplicemente inventato la plastica che si scioglie in acqua e che non inquina. “Sono soltanto un grafico pubblicitario che un giorno si è detto che doveva esserci un altro modo per fare la plastica. Un modo che non inquinasse il pianeta per migliaia di anni. Allora sono andato su Internet a cercare fino a quando quel modo l’ho trovato,” ha raccontato a Vanity Fair.
Cercando su internet i due hanno trovato un’università in mezzo all’Oceano Pacifico dove un gruppo di ricercatori stava sperimentando un modo per produrre la plastica con gli scarti della lavorazione delle zucchero: il melasso. “Astorri e Cicognani investono i loro risparmi per comprare quel brevetto,” spiega Vanity Fair, “e tanti altri. Nel giro di un anno sono pronti a realizzare il PHA. Cos’è? E’ una molecola che serve a produrre plastica attraverso un processo di ingrassamento dei batteri”.

Potrebbe interessarti

Maxi evasione fiscale. Scatta la denuncia per un imprenditore dopo le indagini della guardia di finanza

Piacenza. Scatta la denuncia per un imprenditore in seguito ai controlli, da parte delle fiamme …