Home / Notizie / Pornografia e Internet. Il 12% dei siti sono porno. Tutte le statistiche
Pornografia-e-I11054-piacenza.jpg

Pornografia e Internet. Il 12% dei siti sono porno. Tutte le statistiche

L’8% delle email circolanti hanno contenuto sexy. I bambini di 11 anni guardano già immagini hard. Un utente su 3 è donna

Da OnlineMBA emerge una statistica che riguarda il binomio pornografia e internet. Tutti sanno quanta pornografia o semplicemente quanti contenuti sexy circolano in Rete ogni giorno: la battutina dell’amico via Skype, il link osé condiviso via Facebook, la foto allegata via email, le ricerche per immagini su Google che restituiscono anche qualche foto piccante, ecc. Ma se ci si sofferma sui numeri di questa statistica si fatica a non rimanere quantomeno un po’ sorpresi. Ecco alcuni dei dati più significativi.
INTERNET E PORNOGRAFIA: I DATI
– Il 12% dei siti internet presenti in Rete è pornografico (circa 24 milioni di siti web);
– Ogni secondo circa 28.000 persone stanno guardando un porno online;
– Ogni secondo vengono spesi circa 3.000 dollari in pornografia online;
– 40 milioni di cittadini americani sono “consumatori abituali” di materiale porno;
– Un utente su 3 di siti porno è una donna;
– Il 70% dei maschi tra i 18 e i 24 anni ha visitato un sito porno negli ultimi 30 giorni;
– Metà dei ricavi della pornografia online riguarda gli Stati Uniti;
– Il 25% delle ricerche su Google riguarda termini sexy (68 milioni di ricerche al giorno!);
– Il 35% dei download riguarda materiale pornografico o sexy;
– Il 34% degli utenti è “inciampato” almeno una volta in contenuti pornografici non intenzionalmente, cercando su internet cose non attinenti al sesso;
– L’età media del primo contatto con materiale pornografico è 11 anni;
– Il 20% degli uomini ammette di avere visto siti porno al lavoro;
– Il 13% delle donne ammette di avere visto siti porno al lavoro;
– Il giorno della settimana in cui si visitano più siti porno è la domenica.

Potrebbe interessarti

delmonte

Delmonte (LN): “Iren faccia bidoni più grandi per semplificare la ‘differenziata’ delle persone invalide”

“Perché Iren non fornisce alle persone con disabilità contenitori più grandi così da dilatare i …