Home / Notizie / Economia e Diritto / La banca non risponde se paga un assegno con firma falsificata

La banca non risponde se paga un assegno con firma falsificata

La Cassazione ribadisce che la banca risponde solo se la falsificazione è grossolana ed evidente

Non c’è da stare particolarmente tranquilli nel lasciare i nostri soldi in banca, anche perché, contrariamente a quanto sarebbe normale ritenere, se la Banca paga per errore un assegno con firma diversa dalla nostra, può non doverne rispondere. Ma come, si potrebbe pensare, se non sanno fare il loro mestiere, dovranno pure farsene carico! Invece la Cassazione ha più volte ritenuto che la banca deve rispondere solo se la falsificazione della firma del cliente apposta sull’assegno sia rilevabile ictu oculi, cioè sulla base di una diligenza media. In sostanza solo quando la falsificazione è veramente grossolana.

Potrebbe interessarti

Trebbia

Trebbia preso d’assalto. Tarasconi: “bene per il territorio, ma il turismo va gestito”

«Una maggiore affluenza di turisti in Valtrebbia e il Valnure era prevedibile dopo il lockdown, …