Home / Notizie / Editoriali / Bin Laden, Gheddafi e Kim Jong-il. La fine dei lader più spietati
Bin-Laden-Ghed10312-piacenza.jpg

Bin Laden, Gheddafi e Kim Jong-il. La fine dei lader più spietati

Insieme a loro cade nel 2011 Zine El-Abidine Ben Alì in Tunisia e Hosni Mubarak in Egitto

Il 2011 sarà ricordato come l’annus horribilis dei tiranni più spietati e dei leader del terrore. Il primo a cadere, in gennaio, fu il tunisino Zine El-Abidine Ben Alì, costretto a fuggire in Arabia Saudita dopo 23 lunghi anni di tirannia. Pochi mesi dopo è arrivata la notizia bomba della cattura e dell’uccisione di Osama Bin Laden, il più spietato terrorista del mondo, il nemico pubblico numero uno. Dopo l’estate, uno dopo l’altro, sono caduti Hosni Mubarak in Egitto e il colonnello Mu’ammar Gheddafi in Libia. Hugo Chavez, in Venezuela, prova disperatamente a tenere il potere mentre il suo corpo se la deve vedere con il cancro. Fidel Castro, a Cuba, è ormai uscito definitivamente di scena e si attende solo la notizia della sua dipartita.
L’ultimo a cadere è stato Kim Jong-il, definito un “tiranno senza coscienza”; lui che ha dominato la Corea del Nord per decenni, vivendo nel lusso mentre il suo popolo pativa la fame, è morto la scorsa settimana. Il figlio del “caro leader” ha già raccolto il testimone, promettendo di continuare a governare il Paese con la stessa “amorevole cura” del padre. Per lui, come per Raúl Catro, si tratta di un’occasione irripetibile per cambiare rotta e scegliere la strada della Pace e della democrazia. Se non altro il 2011 ha dimostrato a tutti i tiranni del mondo che il Tempo resta comunque un giudice più spietato di loro.

Vuoi dirmi la tua su questo Editoriale?
Parliamone su Twitter

Potrebbe interessarti

calcio

Malore in campo durante la partita. Giocatore rianimato dai soccorsi del 118 di Bobbio

Malore in campo nel bel mezzo della partita di Terza Categoria tra il Bobbio 2012 …