Home / Notizie / Cronaca / Mostra di Benigni da flop. Parla il consigliere Andrea Pollastri
Mostra-di-Benig9476-piacenza.jpg

Mostra di Benigni da flop. Parla il consigliere Andrea Pollastri

Incassi nettamente inferiori all’investimento fatto dalla regione

Parla di “patrocinio politico” Andrea Pollastri (PdL) presentando un’interrogazione sulla rassegna “Bob&Nico” che da poco ha chiuso i battenti.
Tenutasi dal 5 maggio al 6 agosto a Bologna, l’iniziativa, comprendente una mostra, tenutasi a Palazzo Pepoli, eventi teatrali ed una retrospettiva cinematografica, celebrava i 35 anni di carriera dell’attore e regista Roberto Benigni e della compagna, di vita e di set, Nicoletta Braschi.

A quanto si è appreso, però, l’evento è stato un vero flop, malgrado la presenza di un enorme pubblico potenzialmente interessato costituito da studenti universitari e appassionati di cinema della prestigiosa Cineteca, che ha organizzato la rassegna, ma anche da tutti coloro che, nella “rossa” Bologna, apprezzano il regista per le sue posizioni nettamente ostili al centro-destra, e lo hanno recentemente accolto alla festa della Fiom. I visitatori, decisamente inferiori rispetto a quelli previsti, sono stati solo 12 mila che, pagando un biglietto anche relativamente “salato” (pieno 8 euro, ridotti 7 e 6 euro), hanno consentito di incassare 50 mila euro, molto meno dei 450mila che è costato l’allestimento.

Tra gli Enti che hanno patrocinato e supportato l’iniziativa vi è anche la Regione Emilia-Romagna. Questo aspetto ha incuriosito il Consigliere Pollastri che ha chiesto di sapere se sia stato dato un contributo economico e di che entità.

“Al di là di questo aspetto – spiega l’azzurro – mi interessa conoscere le ragioni per cui, anche a titolo gratuito, la Regione ha concesso il patrocinio all’iniziativa, anche se sospetto che le motivazioni di carattere politico abbiano deposto in favore di questa scelta.”

“Trattandosi di un evento a cui hanno concorso anche Enti Pubblici – chiosa – mi interessa conoscere anche in che modo verranno ripianati i debiti: dato che gli unici 50mila euro incassati sono stati donati in beneficienza, chi pagherà i 450mila euro dell’allestimento?”

Potrebbe interessarti

incendio

Gelicidio, Rancan (Lega): «Ripulire i boschi per prevenire gli incendi»

BOLOGNA, 23 GEN. – «La Regione Emilia Romagna predisponga con urgenza un piano di manutenzione …