mercoledì , 19 settembre 2018
Home / Notizie / Cronaca / Nuovo ponte sul Trebbia. Trespidi: ”non ci saranno ritardi”

Nuovo ponte sul Trebbia. Trespidi: ”non ci saranno ritardi”

Posate 11 delle 16 campate. I lavori proseguiranno per tutto il mese di agosto

Proseguono come da cronoprogramma i lavori per il nuovo ponte sul Trebbia, che congiunge Quartazzola a Sordello. "I lavori stanno mantenendo il ritmo giusto. Confermo l’invito ai piacentini a non prendere impegni per il 30 dicembre di quest’anno" ha annunciato questa mattina il presidente della Provincia Massimo Trespidi che – giunto sul posto per il sopralluogo istituzionale programmato con gli amministratori di Piacenza, Gragnano e Rottofreno, i consiglieri provinciali e i tecnici – ha ribadito la sua volontà di tagliare il nastro entro il 2011. Per la Provincia presenti l’assessore Sergio Bursi, affiancato dai dirigenti Stefano Pozzoli, Emanuele Tuzzi e da Andrea Reggi. Tutti rappresentati i Comuni territorialmente interessati, con i sindaci Raffaele Veneziani (Rottofreno), Andrea Barocelli (Gragnano) e gli assessori comunali di Piacenza Ignazio Brambati e Pierangelo Carbone. Folta rappresentanza di consiglieri provinciali, tra cui il consigliere e primo cittadino Giampaolo Fornasari. Al sopralluogo hanno preso parte anche: l’ingegner Franco Candeo e i tecnici della direzione lavori, coordinati dall’ingegner Gianluigi Geddo, di Sina Spa. Gli operai procedono nei lavori come da tabella di marcia e – per esplicita richiesta di Trespidi – non si fermeranno nemmeno ad agosto (tranne nella giornata del 15). Sono state realizzate le due spalle del ponte e tutte le quindici pile, con diametro di 2,80 metri e una profondità di 30 metri. Come spiegato dall’ingegner Luca Cortellari, dg dell’impresa Lungarini Spa, sono state collocate undici delle sedici campate previste, le cinque campate rimanenti sono in fase di assemblaggio a terra e saranno posizionate entro settembre. Le due campate di estremità hanno una lunghezza di 32 metri, le altre 14 di 42 metri ciascuna. La lunghezza complessiva del ponte è di 652 metri, per una larghezza di 10 metri e mezzo. L’impalcato metallico è realizzato dalla Cimolai Spa di Pordenone, le pile dalla Trevi Spa di Cesena, entrambe ditte specializzate di rilevanza internazionale. In corso di ultimazione anche la strada di adduzione al ponte dalla sponda piacentina: attualmente si sta lavorando alle massicciate stradali e alla messa in posa della pavimentazione bituminosa. Sull’altro versante, nel Comune di Gragnano, la strada è già tracciata e a breve verrà realizzata la rotatoria asimmetrica di innesto sulla Provinciale 7 di Agazzano, in prossimità dell’incrocio con la strada comunale per Sordello. "Si sta lavorando bene, insieme – ha detto Trespidi a bilancio del sopralluogo – c’è un ottimo clima di collaborazione, credo che questo sia decisivo per arrivare nei tempi previsti al taglio del nastro". Naturale prosecuzione del tracciato del ponte – che si trova lungo l’asse della tangenziale sud-ovest di Piacenza – sarà il raccordo Sordello-Cattagnina (San Nicolò) per lo sbocco sulla via Emilia. "Siamo consapevoli che l’inaugurazione del ponte Trebbia a cui stiamo lavorando, per quanto prioritaria, non è l’ultimo atto – ha sottolineato Trespidi –. Nei giorni scorsi ho incontrato il presidente della Regione Vasco Errani per sensibilizzarlo su questa partita. Vorremmo coinvolgere anche tutti i soggetti interessati per arrivare presto a concretizzare il progetto del collegamento tra Sordello e la via Emilia".

Potrebbe interessarti

Gragnano Trebbiense. Nel giardino di casa sei piante di marijuana. Nei guai un 36enne

Gragnano Trebbiense (Piacenza). Dovrà rispondere dell’accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti un 36enne piacentino, già …