Home / Notizie / Musica / Arrivederci, CO2! Tour a ”Impatto Zero” per il Liga
Arrivederci-CO7016-piacenza.jpg

Arrivederci, CO2! Tour a ”Impatto Zero” per il Liga

Per il terzo anno consecutivo Ligabue ha rinnovato l’adesione a Impatto Zero di LifeGate

Ligabue, in occasione del tour Ligabue Stadi 2010, rinnova l’adesione al progetto Impatto Zero® di LifeGate. Un sodalizio che conferma nuovamente l’impegno concreto di Ligabue a favore del pianeta.

LifeGate ha stimato che per l’organizzazione dell’intero tour, tra allestimenti, energia elettrica utilizzata, mobilità dello staff e del pubblico, materiale promozionale, di comunicazione e rifiuti prodotti, saranno prodotte oltre 1.650 ton di CO2. Da qui la scelta di Ligabue di ridurre e compensare con Impatto Zero® queste emissioni attraverso la creazione e tutela di foreste in crescita in un’area nella zona di Chiricui, a sud-ovest di Panama, ai confini con il Costa Rica.

Il contributo di Ligabue riguarda il progetto di recupero di un’area degradata con interventi di riforestazione che impiegano piante native da foresta pluviale. La rinascita della foresta in questo terreno è stata determinante dal punto di vista faunistico perché ha riportato diverse specie autoctone, e di positivo impatto sociale poiché ha contribuito allo sviluppo economico delle comunità locali.

Un importante messaggio di attenzione verso l’ambiente che Ligabue lancia ai suoi fan e a tutto il mondo della musica: un invito anche a fare concretamente qualcosa riducendo il proprio impatto già a partire dagli spostamenti verso gli stadi. Grazie al software di Tandemobility, disponibile su ligachannel.com, infatti sarà possibile partecipare attivamente al progetto di car-pooling costruito su misura per gli appuntamenti del tour Stadi 2010.

E non è tutto, sempre su ligachannel.com sarà possibile stimare l’impatto ambientale del proprio stile di vita con il calcolatore di Impatto Zero.

Impatto Zero di LifeGate, advisor e network per lo sviluppo sostenibile, è il primo progetto italiano che concretizza gli intenti del Protocollo di Kyoto: riduce le emissioni di anidride carbonica e le compensa contribuendo alla creazione e tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo. Il progetto si avvale della collaborazione di Università italiane e straniere specializzate nell’LCA, Life Cycle Assessment, ciclo di vita del prodotto, per il calcolo scientifico dell’impatto ambientale e della collaborazione di Parchi e Riserve per le attività di riforestazione, conservazione e tutela dei terreni. BIOS, Ente Certificatore accreditato SINCERT e riconosciuto dall’Unione Europea, certifica l’intera filiera di Impatto Zero, garantendo la corretta applicazione del processo.

www.impattozero.it

Potrebbe interessarti

peso

Cambiano le unità di misura. Dal maggio 2019 le nuove definizioni per chilogrammi e altre unità

Si tratterà della più grande ridefinizione del sistema internazionale delle unità di misura dal momento …