Home / Notizie / Cronaca / La denuncia di Confidelizia. ”Due milioni e mezzo ai due consorzi per opere la cui manutenzione costa 40 mila euro”

La denuncia di Confidelizia. ”Due milioni e mezzo ai due consorzi per opere la cui manutenzione costa 40 mila euro”

Incontro tra vertici dell’organizzazione e gli esponenti lega Cavalli e Parma

«In città il costo di manutenzione dei rivoli diversivi e dell’impianto idrovoro della Finarda è di circa 40mila euro all’anno. Eppure i cittadini pagano ai consorzi di bonifica, complessivamente, quasi due milioni e mezzo di euro». La denuncia arriva dal presidente nazionale della Confedilizia, l’avvocato Corrado Sforza Fogliani ed è stata recentemente posta all’attenzione del vicepresidente della Provincia, Maurizio Parma e del neoconsigliere regionale Stefano Cavalli nel corso di un colloquio-confronto col presidente nazionale dell’organizzazione dei proprietari di casa. All’incontro hanno preso parte anche il direttore Maurizio Mazzoni e Antonino Coppolino del coordinamento dei legali dell’associazione. L’auspicio della Confedilizia è che si proceda quanto prima a «riformare il sistema elettorale dei consorzi di bonifica e si rivedano i criteri di approvazione dei piani di classifica». L’obiettivo a cui guarda l’associazione è garantire «il giusto pagamento dei contributi consortili e solo da parte di chi ne ha reale beneficio». Cavalli ha manifestato la sua volontà di continuare la battaglia in Regione del suo predecessore, Parma, «per una corretta e più equa contribuenza». «È assurdo – ha detto Mazzoni – che chi riceve beneficio irriguo voti insieme a chi gode del beneficio di bonifica. Confedilizia non può accettare, infatti, un sistema elettorale che non prevede una rappresentanza diretta in relazione all’entità della contribuenza e che mette sullo stesso piano agricoltori che pagano per i propri terreni a causa di un (magari presunto) beneficio di bonifica ed altri agricoltori che invece pagano non un contributo, ma un prezzo, per un cospicuo, e sottopagato, vantaggio irriguo». «Da rivedere – ha aggiunto il presidente nazionale – sono pure i criteri per l’approvazione dei piani di classifica (lo strumento previsto dalla legge per garantire la "corretta ed equa ripartizione della contribuenza"). Il catasto, su cui ci si basa ora, non è uno strumento che ha senso. In che modo può infatti incidere il valore del’immobile sul beneficio di bonifica?». Spazio anche alle considerazioni politiche. «C’è sempre stato – ha osservato Sforza Fogliani – un cordone ombelicale particolare tra consorzi e regione Emilia Romagna, che non è presente neppure nelle altre regioni "rosse", come la Toscana, che ha recentemente varato misure per ristabilire una corretta contribuenza». Nel caso delle Marche – si è osservato – le competenze dei consorzi sono addirittura passate alle Province.

Potrebbe interessarti

Will Smith partecipa alla mezza maratona di Cuba

Un’altra voce da cancellare dalla lista di “cose da fare prima di morire” per Will …