Home / Notizie / Editoriali / Pierluigi Bersani alla resa dei conti. Per i veltroniani l’esito delle elezioni e’ stato disastroso

Pierluigi Bersani alla resa dei conti. Per i veltroniani l’esito delle elezioni e’ stato disastroso

Per il segretario del Pd: "Né vincitori né vinti. Due pali in zona Cesarini". Per Verini il Pd è "ininfluente al Nord e residuale nel Sud"

Le elezioni regionali si sono concluse e lo scenario attuale ritrae un’Italia in cui al centrodestra vanno 11 regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia-Giulia, Lazio, Molise, Abruzzo, Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna) e al centrosinistra 7 regioni (Emilia-Romagna, Toscana, Liguria, Marche, Umbria, Puglia, Basilicata).

Con la sconfitta imprevista in Lazio e Piemonte, i leader del Partito Democratico fedeli a Veltroni e a Franceschini si sono presentati al vertice dei big per la resa dei conti con Bersani e D’Alema e per chiedere a gran voce un cambio di rotta.

Malgrado il centrodestra di Berlusconi si presentasse a queste elezioni indebolito nei sondaggi ed appesantito dalla figuracca fatta di fronte al Paese per via delle liste, per il centrosinistra l’esito di quste elezioni – a detta di Veltroni – è stato "disastroso". Il suo braccio destro Walter Verini ha fornito un’analisi spietata. Oggi il Pd è "ininfluente al Nord e residuale nel Sud".

L’area vicina a Franceschini ha presentato al leader Bersani due conticini della serva. Il Pd è sotto il risultato delle europee di circa mezzo punto, fermo al 26%. "Ma di quale avanzata parliamo?" hanno chiesto al segretario in Transatlantico.

Carlo Bertini su "La Stampa" riporta anche le dichiarazioni dell’ex segretario. "Ora serve una correzione di rotta", ha dichiarato Franceschini, "perché puoi abbandonare un progetto ambizioso e scegliere la politica del quieto vivere con tutti, ma se non ti porta risultati allora bisogna tornare al progetto originario per cui è nato il Pd: un partito che parli al Paese, che non appalti il consenso ad altri facendosi condizionare da coalizioni disomogenee".

Dal canto suo Veltroni rifiuta di fare processi, ma non sottovaluta quello che lui stesso definisce "un risultato elettorale così grave". "Sarebbe sbagliato identificare l’astensionismo solo con la rabbia," ha spiegato, "c’è anche gente sfiduciata perché non vede un’alternativa credibile a Berlusconi".

Pierluigi Bersani si è difeso strenuamente, spalleggiato da Massimo D’Alema. "Non canto vittoria, ma non siamo neanche sconfitti. A gennaio nessuno avrebbe scommesso su un sette a sei," ha dichiarato. "È falso poi che siamo scomparsi al Nord. Il voto alla Lega è un voto contro Berlusconi".

Sarà… ma guardando la cartina dell’Italia il Pd sembra confinato nelle sole regioni storicamente rosse. E anche qui ci sono risultati che meritano un’attenta lettura. In Emilia-Romagna, per esempio, Vasco Errani ha vinto con il 52,06% dei voti, quando cinque anni fa fu eletto presidente con il 62,7% dei voti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Castel San Giovanni. Scontro frontale sulla strada per Stradella. Ferite due donne

Castel San Giovanni (Piacenza). Incidente intorno alle 13:00 del primo pomeriggio di oggi, giovedì 20 …