Home / Notizie / Diario pendolare. In scia ad un tragico regionale che fermava in tutte le stazioni

Diario pendolare. In scia ad un tragico regionale che fermava in tutte le stazioni

Questa mattina ho viaggiato con il treno R2274 che nel tratto Piacenza-Lodi ha accumulato "SOLO" qualche minuto di ritardo

Questa mattina (28/12) ho viaggiato con il treno R2274 che nel tratto Piacenza-Lodi ha accumulato "SOLO" qualche minuto di ritardo.

Alla stazione di Lodi, però, è successa una cosa strana e preoccupante: la voce metallica ha annunciato che il ns.treno, prima di Milano, avrebbe effettuato fermata in tutte le stazioni tranne in quella di Tavazzano.
A bordo ci siamo scambiati sguardi increduli e per l’ennesima volta rassegnati.

Dopo qualche istante, una voce umana rettifica quanto detto sopra e avvisa che il treno fermerà a Rogoredo e Lambrate , come sempre…

In realtà il treno si è poi fermato diversi minuti alle porte di tutte le stazioni intermedie avallando quindi l’annuncio effettuato "per sbaglio" nella stazione di LODI; è stato infatti instradato sulla linea storica e si è mantenuto "in scia"
ad un tragico regionale che fermava in tutte le stazioni!

Non è mai superfluo ripetere che tutto ciò avviene sempre nel più totale menefreghismo nei confronti dei pendolari, SENZA AVVISARLI, SENZA METTERLI AL CORRENTE DI NULLA, LASCIANDOLI IN BALIA DELLE MALEFATTE QUOTIDIANE DEL SERVIZIO FERROVIARIO PIU’ VERGOGNOSO DELLA TERRA!!

IL QUARTO MONDO E’QUI! IL SERVIZIO FERROVIARIO FA SCHIFO, VIVIAMO QUOTIDIANAMENTE NELL’EMERGENZA;
QUANDO SALIAMO IN TRENO NON SAPPIAMO SE ARRIVEREMO, SE TORNEREMO, QUANTE ORE TRASCORREREMO A BORDO DI CARROZZE SPORCHE E INVIVIBILI.

UN SENTITO GRAZIE A TRENITALIA CHE SI DIVERTE A ROVINARCI QUOTIDIANAMENTE L’ESISTENZA! Per la cronaca il treno R2274 ha raggiunto la stazione di Rogoredo con 19 MINUTI DI RITARDO anche se il sito ufficiale di Trenitalia ne indica 17…

Potrebbe interessarti

Gragnano Trebbiense. Nel giardino di casa sei piante di marijuana. Nei guai un 36enne

Gragnano Trebbiense (Piacenza). Dovrà rispondere dell’accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti un 36enne piacentino, già …