Home / Notizie / Cronaca / Concerto PFM. Per Voilier2000 non si e’ trattato di un problema di soldi
Concerto-PFM.-P4516-piacenza.jpg

Concerto PFM. Per Voilier2000 non si e’ trattato di un problema di soldi

Incasso superiore a cachet richiesto, era assicurato il guadagno di tutti. Pronte denunce in sede civile e penale

Salvatore Primiceri, di Voilier2000, organizzatore del concerto che la PFM avrebbe dovuto tenere al campo Daturi ieri sera, sta preparando le carte con i suoi avvocati per tutelarsi e dimostrare le proprie ragioni. In ogni caso, con un comunicato stampa, respinge le accuse della band. Secondo Primiceri "non era questione di soldi; la PFM premeditava di annullare l’evento".

Secondo il comunicato stampa, sono già pronte quattro denunce verso membri della D&D Concerti, l’agenzia che ha venduto l’evento alla Voilier2000 per l’organizzazione a Piacenza. “Quello che leggo dalle dichiarazioni di Romeo Grosso e Iaia De Capitanis, tour manager e manager della PFM, afferma Primiceri, sono affermazioni molto lontane dalla verità dei fatti. Non è stato un problema di raggiungimento di cachet, in quanto l’incasso era superiore alla cifra richiesta (30.000 euro) e non abbiamo chiesto sconti. Il pretesto addotto da Grosso per annullare il concerto é la non accettazione della modalità di pagamento con bonifico bancario on-line del residuo del saldo, di poca entità e comunque garantito entro il termine del concerto. Voilier2000 si era resa anche disponibile a fornire il saldo con assegno bancario entro la fine del concerto. Nonostante ciò e nonostante gli oltre 20.000 euro già nelle mani del tour manager, Grosso non ha voluto sentire ragioni e ha perseverato nella sua condotta (a questo punto) premeditata di cui dovrà rispondere in sede civile e penale. Stiamo raccogliendo numerose testimonianze che non lasciano dubbi al fatto che la band avesse già deciso molte ore prima, per motivi ancora ignoti, di non esibirsi. Basti pensare che la PFM non si è degnata nemmeno di farsi vedere sul palco dagli oltre 2.000 fans.

A dimostrazione di ciò si aggiungono gli innumerevoli pretesti infondati che Grosso avrebbe sottolineato quali la mancanza di facchini o del catering. Chiunque presente all’arena Daturi si è potuto invece rendere conto che il servizio era garantito in maniera efficiente con l’installazione di un vero e proprio bar nelle vicinanze del palco. La band ha inoltre cenato in un prestigioso ristorante della città a spese dell’organizzatore così come il pranzo dei tecnici.
Piuttosto Grosso risponda del perché per tutto il giorno ha trattato il nostro personale come animali e riempiendosi la bocca di parole inqualificabili rivolte verso gente che lavorava con assoluta e certificata professionalità.

Inqualificabile infine il gesto dello stesso Grosso di togliere corrente al palco mentre Primiceri tentava di spiegare le proprie ragioni al pubblico e le modalità di rimborso.

Voilier2000 ribadisce che le azioni legali andranno a fondo su tutti i fronti.
La PFM e il suo staff hanno così messo in ginocchio un’azienda giovane (la Voilier2000 in cui collaborano quasi tutti piacentini e che da poco si è trasferita a Piacenza anche come sede legale) che da alcuni anni si prodiga con impegno e passione e propri mezzi all’offerta di eventi nella città di Piacenza, senza mai aver peccato di irregolarità.

“Personalmente, continua il titolare di Voilier2000, credo che Piacenza si debba sentire offesa verso la PFM e sarebbe una grave ingiustizia da parte dell’isitituzione comunale pensare di scaricare con così tanta faciloneria tutte le colpe alla Voilier2000.

Potrebbe interessarti

vigili

Anziano messo in salvo da carabinieri e vigili dopo una notte passata nel fango

Piacenza. Fortunatamente si è conclusa per il meglio la disavventura di un anziano residente a …