Home / Notizie / Cronaca / Concerto PFM. Parlano gli organizzatori che ribaltano le accuse
Concerto-PFM.-P4515-piacenza.jpg

Concerto PFM. Parlano gli organizzatori che ribaltano le accuse

"PFM, vergogna!" dichiara in un comunicato Primiceri. "Per noi la PFM era un simbolo della musica"

Salvatore Primiceri, organizzatore del discusso concerto della PFM saltato ieri sera con grande disappunto per i numeorsi fans accorsi, ha inoltrato un comunicato alla nostra redazione che pubblichiamo intergalmente per dovere di informazione.

"Esprimo forte disappunto," spiega Primiceri, "e delusione per la decisione del tour manager della band, Romeo Grosso, di far saltare il concerto dopo circa due ore di attesa dopo l’orario previsto di inizio e, nello stesso tempo, esprimo stupore e sconcerto per i modi in cui questa decisione è maturata denotando un’assoluta mancanza di ragionevolezza, professionalità, buon senso e rispetto verso gli oltre duemila fans in trepida attesa di emozionarsi con i loro beniamini".

"Voilier2000 ha organizzato questo concerto contando su tanti volontari che hanno dato il massimo in mesi di preparazione. Siamo stati appoggiati da tutte le principali istituzioni piacentine, Comune e Provincia, perché oltre all’inaugurazione del nuovo campo Daturi c’era di mezzo un’importantissima causa sociale ovvero il tributo Anmil e la sensibilizzazione sul problema delle vittime sul lavoro".

"Il rispetto della PFM e del loro tour manager verso queste istituzioni e associazioni che si sono prodigate con un lavoro oltre le loro normali mansioni per fornire la massima ospitalità e servizi è stato pari a zero.
E che dire del rispetto dei fans? Oppure del rischio concreto di disordini pubblici che questa decisione ha provocato e che solo l’enorme ed eccellente lavoro delle forze dell’ordine è riuscita a frenare per tempo?
Il motivo o pretesto scatenante l’annullamento del concerto sarebbe stata una controversa clausola contrattuale che io non avrei rispettato alla lettera e su questo mi riservo di sentire i miei legali e di prendere provvedimenti nelle opportune sedi giudiziarie".

"Certo è che, in dieci anni di organizzazione concerti, errori posso averne fatti ma una cosa simile non mi era mai capitata. Mi sono trovato di fronte a gente arrogante e senza scrupoli la cui unica volontà manifestata, nonostante gli innumerevoli tentativi di mediazione, è stata quella di annullare il concerto".

"Ho vissuto ore difficili e sono stato molto male. Solo il conforto dei miei più cari amici e della gente di Piacenza che mi conosce mi ha aiutato a riprendermi.

Il mio grazie personale di cuore va a tutti coloro che mi sono stati vicini consapevoli dell’ingiustizia subita. Nello stesso tempo desidero scusarmi (a prescindere dalle eventuali responsabilità) con tutti coloro che sono tornati a casa delusi assicurando che provvederemo ai rimborsi dei biglietti.

Preciso, per dovere e correttezza, infine, che Comune, Provincia, Anmil, così come tutti i punti vendita Ranuccio, Alphaville e Disk Jockey 70, non hanno alcuna responsabilità sull’accaduto in quanto non coinvolti nei rapporti contrattuali con la PFM. Anzi li invito tutti, se vorranno, ad unirsi a me per rivendicare nelle sedi opportune i danni materiali, morali e d’immagine subiti in questo evento".

PER OTTENERE IL RIMBORSO DEL BIGLIETTO:


Per ottenere il rimborso del costo del biglietto del concerto annullato della PFM a Piacenza del 12 giugno 2009 è necessario inviare entro e non oltre il 13 luglio 2009 fotocopia del biglietto accompagnata da nome e cognome e un IBAN bancario o postale al numero di fax 0523.063110 oppure via email a info@voilier2000.com. L’organizzazione provvederà al versamento.

Potrebbe interessarti

Mucinasso. Guida in stato di ebbrezza. Scatta la denuncia per un 27enne

Mucinasso (Piacenza). È finito nei guai il 27enne residente a San Giorgio fermato dai carabinieri …