Home / Notizie / Cronaca / Enìa, presentazione alla borsa della nuova utility quotata
Eniapresentazioneallaborsapiacenza1452.jpg

Enìa, presentazione alla borsa della nuova utility quotata

L’azienda emiliana è pronta per il mercato azionario

«In Borsa non va solo il gruppo Enìa, ma i piacentini, i parmensi e i reggiani che ne sono proprietari e che trarranno numerosi vantaggi dalla quotazione. Questo non è un traguardo storico per un’azienda, ma per tutti i territori in cui è presente in varie forme da decine di anni». Parola dei vertici di Enìa, che nei giorni scorsi a Milano hanno incontrato i giornalisti per spiegare gli obiettivi dell’imminente sbarco a Piazza Affari. A presentare l’operazione il presidente Andrea Allodi e l’amministratore delegato Ivan Strozzi insieme al responsabile finanziario Massimiliano Masi. Un roadshow che proseguirà nei prossimi giorni e che toccherà le principali piazze economiche europee. Il 4 luglio si chiuderà l’offerta pubblica, il 10 è previsto il debutto al segmento Star di Piazza Affari.

I benefici per le città e i cittadini «saranno molteplici – afferma il presidente Allodi – a partire dal fatto che un’azienda di cui sono proprietari sarà valorizzata e potrà consolidarsi affacciandosi sul più prestigioso e qualificato palcoscenico nazionale. Saremo obbligati a essere molto più trasparenti, la qualità dei servizi e la gestione economica non potranno che trarne un vantaggio».

Le azioni sul mercato potranno arrivare fino al 38% del totale (la quota in mano al Comune di Piacenza scenderà attorno al 5%) e nelle casse societarie finiranno fino a quasi 400 milioni di euro. «Soldi – ha affermato Strozzi – che serviranno in larga parte per investimenti sui territori: a Piacenza proseguirà l’ampliamento del teleriscaldamento e il miglioramento del ciclo idrico, ma punteremo anche entrare da protagonisti nel mercato del gas, che oggi ci vede praticamente assenti. E anche se non ci riusciremo, contribuiremo a creare concorrenza, quindi ad abbassare le tariffe per i consumatori».

Parlando in termini generali, Allodi, Strozzi e Masi hanno tracciato un breve quadro del gruppo, illustrandone i tanti punti di forza: «Siamo convinti di essere unici – hanno affermato – a partire dal fatto che siamo presenti con esperienza e capacità in tutti i servizi pubblici indispensabili, una fatto davvero raro anche nei soggetti più grandi di noi. Vantiamo un fortissimo radicamento territoriale il nostro business è in costante crescita, abbiamo un’importante partecipazione in Edison, siamo proprietari di reti e impianti, il 75% dell’Epidta deriva da settori regolamentati, in cui si può pianificare e non avere brutte sorprese. E poi – hanno concluso – per noi parla la storia delle grandi aziende che si sono unite per essere ancora più vicine ai cittadini».

Potrebbe interessarti

sub

Paura nelle acque di Genova. Malore per due sub piacentini

Avrebbero entrambi subito un malore mentre si trovavano immersi nelle acque di Genova, nella zona …